Visualizzazione Internet Visualizzazione InternetChiudi Chiudi

DATI GENERALI
Stato della NotiziaUFFICIALE
ProtocolloVI28633
Data creazione01/03/2019
TitoloMercato Elettronico della Pubblica Amministrazione: aggiornamento di gennaio 2019
Spedizione Notiziario Cartaceo
Annotazioni per segreteria
Seleziona il documento che ha generato la notizia
Redazione e Autori
DATI DI CREAZIONE
Documento creato da Alessio Righetti il 01/02/2019 alle ore 11:06:57 AM
Funzionario ResponsabileAlessio Righetti
Modificato da il 03/01/2019 alle ore 16
Redazione ResponsabileCN=Roberto Travaglini/OU=AI/O=ASSINDVI/C=IT; CN=Admin/O=ASSINDVI/C=IT; CN=Carlo Casarotti/OU=AI/O=ASSINDVI/C=IT; CN=Chiara Longhi/OU=AI/O=ASSINDVI/C=IT; CN=Patrizia Silvestri/OU=AI/O=ASSINDVI/C=IT; CN=Alessio Righetti/OU=AI/O=ASSINDVI/C=IT
Show details for In BreveIn Breve
Hide details for In BreveIn Breve
Si riporta di seguito un aggiornamento per il mese di gennaio 2019, circa le novità intervenute sulla piattaforma di negoziazione ministeriale "Acquisti in Rete PA", relativamente ad Accordi quadro, Convenzioni e Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MEPA).
Show details for ApprofondimentiApprofondimenti
Hide details for ApprofondimentiApprofondimenti
ACCORDI QUADRO


Risparmio energetico e riduzione della spesa corrente nell’ambito dei servizi al territorio

Gli obiettivi di risparmio energetico e di riduzione dell’impatto ambientale nell’ambito dei servizi agli immobili e al territorio sono da sempre al centro dell’attività svolta da Consip. Con la pubblicazione dell’Accordo quadro “Gestione ed efficientamento energetico degli impianti di illuminazione pubblica” si vuole, infatti, ampliare l’offerta di iniziative orientate al risparmio energetico, affiancando le Convenzioni sul Servizio integrato energia e sul Servizio luce.
Pubblicando un Accordo quadro multi-aggiudicatario, che opera sia a condizioni tutte fissate sia con rilancio competitivo, è stata data un’ulteriore spinta innovativa.
Oggetto dell’iniziativa è il servizio di gestione, conduzione, manutenzione degli impianti di illuminazione pubblica e l’efficientamento energetico degli stessi impianti, tramite la sostituzione di tecnologie obsolete con tecnologia LED.
L’obiettivo dell’Accordo quadro è, infatti, quello di ottenere un risparmio energetico di almeno il 50% sui consumi elettrici per gli impianti di illuminazione pubblica, in linea con le previsioni della Legge di Bilancio 2018.
I contratti attuativi dell’Accordo quadro – stipulati dalle singole Amministrazioni con i fornitori aggiudicatari - saranno Concessioni di servizi, in cui è stato ben definito il trasferimento del rischio in capo al Concessionario tramite regole contrattuali e clausole stringenti. Il fornitore percepirà un canone di disponibilità direttamente commisurato alla qualità del servizio erogato e ai risparmi energetici ottenuti (secondo le logiche tipiche dei contratti a prestazione/Energy Performance Contract – EPC).
Nella procedura di gara è previsto un vincolo di partecipazione, sulla base del quale i concorrenti dovranno decidere se presentare le proprie offerte, nelle apposite e distinte procedure del Portale Acquisti in Rete, esclusivamente per i lotti Enti piccoli o per i lotti Enti grandi. Tale vincolo è stato introdotto per assicurare un’ampia partecipazione degli operatori del settore tutelando maggiormente il posizionamento competitivo delle piccole e medie imprese e delle realtà locali potenzialmente interessate a partecipare. La gara, del valore complessivo di circa 2 miliardi di euro, è stata, infatti, suddivisa in 30 lotti:
Fornitura di Ecotomografi

La nuova gara, che sarà aggiudicata con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, prevede più tipologie di ecotomografi e la possibilità di aggiudicare a più di un fornitore per lotto.
È stata pubblicata, il 12 dicembre, la gara per la fornitura di Ecotomografi, servizi connessi e dispositivi opzionali per le Pubbliche Amministrazioni. Si tratta di un Accordo quadro multi-aggiudicatario a condizioni tutte fissate senza rilancio competitivo.
La gara è suddivisa in 4 lotti merceologici, individuati sulla base della diversa destinazione d’uso delle apparecchiature oggetto di gara: Una volta stipulato l’Accordo quadro – che avrà una durata di 12 mesi, con possibilità di proroga sino a ulteriori 6 mesi - le Amministrazioni, oltre all’apparecchiatura, potranno acquistare dai fornitori aggiudicatari dispositivi opzionali come, ad esempio, ulteriori sonde, software specifici, etc..
Il valore complessivo stimato dell’Accordo quadro è pari a circa € 96.646.750 e il criterio di aggiudicazione è quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa con il miglior rapporto qualità / prezzo (70 punti tecnici e 30 punti economici). Il termine per la presentazione delle offerte da parte delle imprese è fissato alle ore 16.00 del 14 febbraio 2019.


Radiologia generale

È stata bandita la gara aperta per la stipula di un Accordo quadro per la fornitura di varie tipologie di apparecchiature di radiologia generale.
L’obiettivo della gara Radiologia generale è la stipula di un Accordo quadro, suddiviso in cinque lotti merceologici, multi-fornitore, a condizioni e quote tutte fissate con la possibilità di ordinare secondo le specifiche esigenze.
L’Accordo Quadro è: Fermo il vincolo delle quote assegnate a ciascun aggiudicatario, le Amministrazioni avranno la possibilità di inviare l’ordine di fornitura a un aggiudicatario diverso dal primo in base a specifiche esigenze previste nella documentazione di gara, quali: disponibilità di tipologie di esami radiologici (tomografia, DES, stitching o pasting, proiezioni laterali, possibilità di erogare raggi a batteria scarica,…), varietà delle tipologie di pazienti su cui è possibile eseguire esami (su sedie e/o barelle, bariatrico, neonatali), caratteristiche strutturali e operative (peso, vincoli sulle dimensioni degli ambienti di funzionamento, capacità di superare pendenze,..), tempi di consegna dell’apparecchiatura dall’ordine.
Oggetto della gara sono: L’iniziativa, una volta attivata, avrà una durata pari a 12 mesi (con possibilità di proroga fino a ulteriori 12 mesi) mentre i contratti attuativi delle singole Amministrazioni avranno una durata di 12 mesi. Il termine ultimo per la presentazione delle offerte da parte delle imprese è stato fissato alle ore 16.00 del 18 febbraio 2019.


CONVENZIONI


Un bando per realizzare nuovi sistemi di videosorveglianza

Sono 10 i lotti della nuova gara sui servizi di videosorveglianza che consentirà alle P.A. di rifornirsi di hardware e software specifici, accompagnati da servizi di installazione, manutenzione e supporto specialistico.
È stata bandita la gara, alla sua seconda edizione, sui “Sistemi di Videosorveglianza e servizi connessi”. Attraverso la Convenzione che sarà stipulata, le Pubbliche Amministrazioni potranno realizzare nuovi sistemi di videosorveglianza avvalendosi di hardware e software specifici (telecamere, software di gestione, apparati wireless per la trasmissione delle immagini) e dei relativi servizi di installazione, manutenzione e supporto specialistico.
Nel dettaglio è richiesta l’erogazione delle seguenti forniture e servizi: L’iniziativa, del valore complessivo di 65 milioni di euro, è strutturata in 10 lotti: La Convenzione aggiudicata avrà una durata di 18 mesi (con possibilità di proroga fino a ulteriori 12) e contratti attuativi di massimo 36 mesi. Il termine per la presentazione delle offerte da parte dei fornitori è fissato alle ore 16.00 del 21 febbraio 2019.


Realizzazione, manutenzione e gestione di reti locali

È stata bandita la gara aperta per la stipula di una Convenzione per la fornitura di prodotti e servizi per la realizzazione, manutenzione e gestione di reti locali.
La Convenzione, che prevedrà la fornitura di prodotti e servizi per la realizzazione, la manutenzione e la gestione di reti locali, ha un valore complessivo di 190 milioni di euro. L’iniziativa è suddivisa in quattro lotti: il lotto 1 per tutte le Amministrazioni Centrali, gli Organi costituzionali, gli Enti previdenziali, il lotto 2 per le Pubbliche amministrazioni locali della zona del nord Italia, il lotto 3 per le Pubbliche amministrazioni locali della zona del centro e il lotto 4 per quelle della zona sud.
I servizi oggetto della gara sono: Accompagneranno la fornitura una serie di servizi: L’iniziativa, una volta attivata, avrà una durata di 18 mesi (con possibilità di proroga fino a ulteriori 6 mesi) mentre i contratti attuativi delle singole Amministrazioni avranno una durata di 4 anni al massimo. Il termine ultimo per la presentazione delle offerte da parte delle imprese è stato fissato alle ore 16.00 del 4 marzo 2019.


MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Continuano gli aggiornamenti su alcune categorie dei bandi del MePA, per rispondere in modo puntuale alle esigenze di acquisto della P.A. e adeguare la documentazione alla normativa vigente in materia di ambiente.
Per completare l’offerta dei prodotti e servizi presenti sul Mercato Elettronico della P.A. e adeguarli alla normativa vigente in materia di ambiente, sono state apportate alcune modifiche ai bandi Beni, Servizi e Lavori di manutenzione edili. La documentazione aggiornata è pubblicata nella scheda riassuntiva dei relativi bandi.


Servizi di biglietteria, assistenza alla visita e bookshop

È stato pubblicato il bando per l’affidamento in concessione dei servizi di biglietteria, assistenza alla visita e bookshop della Galleria dell’Accademia e del Museo di San Marco a Firenze.
Nell’ambito del disciplinare siglato tra Consip e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MiBAC) è stata pubblicata la gara per l’affidamento in concessione dei servizi di biglietteria, assistenza alla visita e bookshop presso la Galleria dell’Accademia di Firenze e il Museo di San Marco.
Il Concessionario dovrà occuparsi della gestione integrata sulle due sedi dei servizi di biglietteria, assistenza alla visita e bookshop. I due siti museali afferiscono a due diverse Amministrazioni, entrambe inserite nell’organizzazione della Direzione Generale Musei del MiBAC. Con l’entrata in vigore del D.M. del 23 dicembre 2014 "Organizzazione e funzionamento dei musei statali", la Galleria dell’Accademia di Firenze è divenuta un istituto autonomo sotto il profilo scientifico, finanziario, contabile e organizzativo, dotandosi per la prima volta di uno statuto, un bilancio e organi di gestione propri. È il secondo museo più visitato in Italia tra i musei statali dopo le Gallerie degli Uffizi e ospita un importante nucleo di opere originali di Michelangelo tra le quali l’iconica statua del David.
Gli scopi della Galleria dell’Accademia di Firenze comprendono lo sviluppo e la diffusione della conoscenza e fruibilità del patrimonio, attraverso la tutela, lo studio, la promozione e gestione delle sue collezioni. L’impegno nel campo della tutela e conservazione è perseguito con progetti annuali di restauro e di messa in sicurezza delle opere, al fine di favorirne la leggibilità e la conservazione, cui si aggiunge la preziosa attività di mantenimento in efficienza delle storiche strutture che la ospitano. La fruibilità è perseguita anche attraverso la realizzazione di mostre permanenti e temporanee, pubblicazioni, eventi e varie offerte orientate, non ultima la presentazione internazionale delle proprie prestigiose collezioni tramite mostre temporanee. Prezioso è anche il lavoro di ricerca sulle opere delle collezioni finalizzato all’elaborazione di cataloghi e altre pubblicazioni scientifiche.
Il Museo di San Marco è, invece, uno dei 49 istituti e luoghi della cultura statali afferenti al Polo Museale della Toscana. Istituito nel marzo 2015, il Polo Museale della Toscana gestisce un patrimonio culturale situato nelle province di Firenze, Siena, Arezzo, Lucca, Pisa, Pistoia, Prato, Livorno e Grosseto. Pinacoteche, musei archeologici, cenacoli, ville medicee, fortezze, edifici di destinazione religiosa testimoniano la lunga storia della Toscana: dagli antichi insediamenti etruschi e romani fino al vasto patrimonio di arti visive che dal Medioevo all’Ottocento ha caratterizzato le produzioni artistiche toscane e italiane. Il Museo, ospitato nel quattrocentesco Convento adiacente alla Basilica di San Marco, è rappresentato oggi soprattutto dai dipinti di Beato Angelico, uno dei massimi pittori del Rinascimento, che affrescò molti ambienti del convento, tra cui le celle del primo piano. Importanti sono anche le raccolte del Cinquecento, con opere di Fra Bartolomeo, e la sezione dedicata a reperti provenienti da edifici del centro storico demoliti nell'Ottocento. Il termine per la presentazione delle offerte da parte delle imprese è previsto per le ore 16.00 del 20 febbraio 2019.

BANDI  
Concessione dei servizi di caffetteria ed eventi per il Polo museale della Campania

La gara prevede l’affidamento in concessione dei servizi di caffetteria ed eventi / catering del sito museale di Castel Sant’Elmo e del Museo Nazionale di San Martino a Napoli.
Anche la gara per l’affidamento in concessione dei servizi di caffetteria ed eventi / catering presso il Polo museale della Campania rientra nell’ambito del disciplinare del Ministero dei Beni e delle Attività culturali, relativo a gare su delega per i servizi di assistenza culturale e di ospitalità bandite da Consip per conto degli istituti di cultura e poli museali del Ministero.
La gara prevede due lotti distinti, entrambi per il Polo museale della Campania: Il valore della concessione è pari a € 4.669.508,41 per il Lotto 1 e a € 1.558.510,48 per il Lotto 2, per una durata di 5 anni (60 mesi). Il criterio di aggiudicazione è quello del miglior rapporto qualità prezzo (70 punti tecnici e 30 economici). Il termine per la richiesta dei chiarimenti è fissato al 18 gennaio 2019, mentre la presentazione delle offerte da parte delle imprese è fissata alle ore 16.00 del 4 febbraio 2019.
Show details for Collegamenti e AllegatiCollegamenti e Allegati
Hide details for Collegamenti e AllegatiCollegamenti e Allegati

Link


Hide details for Link alla GazzettaLink alla Gazzetta

DescrizioneLink


Allegati