Associazione Industriali della Provincia di Vicenza - Notizia internet n. VI29340 del 06/03/2019

Cerca nel nostro sito




Home > Notiziario

Notiziario

Cod. notizia:VI29340


06/03/2019

Festivitą del 2 giugno 2019 - Riepilogo delle norme

Festivitą del 2 giugno 2019 (Festa nazionale della Repubblica) - Riepilogo delle norme

Approfondimenti
La Legge 20 novembre 2000, n. 336 ha stabilito che «a decorrere dal 2001, la celebrazione della festa nazionale della Repubblica ha nuovamente luogo il 2 giugno di ciascun anno, che pertanto viene ripristinato come giorno festivo». E' stata in tal modo modificata la Legge 5 marzo 1977, n. 54, in base alla quale, a decorrere dal 1977, la celebrazione della festa nazionale della Repubblica aveva luogo la prima domenica di giugno e, di conseguenza, il 2 giugno cessava di essere considerato giorno festivo.

La disciplina relativa alla giornata del 2 giugno, pertanto, è ora quella legale e contrattuale propria delle ricorrenze festive.

Nel rinviare a quanto disposto in materia dai singoli contratti di categoria, in questa sede si ritiene opportuno richiamare brevemente l’attenzione sui seguenti punti.

 


FESTIVITA' GODUTE 
Per le festività godute (non lavorate) deve essere in linea di massima corrisposto ai lavoratori non retribuiti in misura fissa mensile un trattamento economico di festività rapportato ad un sesto della retribuzione settimanale. Per gli impiegati e gli altri lavoratori retribuiti in misura fissa mensile, mentre per le festività non coincidenti con la domenica nessun compenso supplementare è dovuto agli stessi, essendo la festività non coincidente con la domenica già compresa nello stipendio mensile, per quelle coincidenti con la domenica (come il 2 giugno 2019), è dovuta ai lavoratori con retribuzione fissa mensile, in aggiunta alla normale retribuzione, una quota giornaliera della retribuzione di fatto, pari ad un ventiseiesimo della retribuzione mensile o al diverso divisore stabilito dal contratto collettivo nazionale di lavoro. Analogo trattamento è dovuto a coloro che, nei casi consentiti dalla legge, lavorino di domenica, godendo del prescritto riposo compensativo in altro giorno della settimana.

 


FESTIVITA' NON GODUTE 
Nel caso in cui alcuni dipendenti prestino attività nelle giornate festive, deve essere loro corrisposto, oltre al compenso eventualmente spettante ai sensi della voce precedente, anche quello relativo alle ore di effettiva prestazione, aumentato delle maggiorazioni percentuali per lavoro festivo previste dal contratto collettivo nazionale di lavoro.

 


LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI
Quando la festività nazionale cade in un periodo di intervento della Cassa Integrazione Guadagni, il trattamento economico inerente a tale festività non rientra fra gli elementi integrabili da parte della Cassa, in quanto a carico dell’azienda, per i lavoratori:

— ad orario ridotto e cioè che lavorano comunque una parte della settimana;

— sospesi a zero ore settimanali, se si tratta di lavoratori retribuiti non in misura fissa mensile ma in rapporto alle ore.

Il trattamento economico relativo alla festività nazionale non è, invece, a carico dell’azienda ed è, pertanto, integrabile dalla Cassa, nei limiti previsti, per i lavoratori sospesi a zero ore settimanali, se si tratta di lavoratori retribuiti in misura fissa mensile.

Il caso delle festività coincidenti con il sabato o la domenica (come il 2 giugno 2019) presenta, tuttavia, una propria peculiarità: se nell’azienda che ha richiesto l’intervento della Cassa integrazione l’attività lavorativa si svolge abitualmente nelle giornate dal lunedì al venerdì, l’intervento stesso non subisce in nessun caso decurtazioni in occasione di festività coincidenti con il sabato o la domenica. Pur in presenza della festività, non diminuisce infatti il numero delle ore teoricamente lavorabili nella settimana; peraltro, l’intervento della Cassa non copre la festività, in quanto non può superare il numero delle ore teoricamente lavorabili (ad esempio quaranta), già raggiunto il venerdì. Tali festività sono perciò ininfluenti sulla Cassa (v. Circolare della Direzione Generale dell’INPS n. 64183 G.S./207 del 19 ottobre 1972).

 


ASSEGNI PER IL NUCLEO FAMILIARE 
Per le festività retribuite è riconosciuto il diritto agli assegni per il nucleo familiare, tenendo presente il numero massimo di assegni giornalieri erogabili in ciascun periodo di paga, se interamente retribuito. Le ore relative alle festività nazionali godute non concorrono a formare il minimo di ore sufficiente affinché il lavoratore possa beneficiare dei suddetti assegni per l’intero periodo di paga.

 


CONTRIBUTI PREVIDENZIALI
Tutto ciò che il lavoratore riceve in occasione delle festività, sia godute sia non godute, a carico del datore di lavoro è soggetto ai contributi previdenziali.

 


IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE 
Il trattamento economico di festività è soggetto alla ritenuta dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF), unitamente alla retribuzione del periodo di paga in corso.    






© Confindustria Vicenza - 2019



Altre notizie sull'argomento

Per maggiori informazioni rivolgersi:
Area Lavoro Previdenza ed Education
Piazza Castello, 3 - 36100 Vicenza
tel. 0444 232500 - fax 0444 526155
email: lavoroprevidenza@confindustria.vicenza.it