Associazione Industriali della Provincia di Vicenza - Notizia internet n. VI25586 del 02/09/2017

Cerca nel nostro sito




Home > Notiziario

Notiziario

Cod. notizia:VI25586


02/09/2017

White List antimafia: un Decreto chiarisce che l'iscrizione è obbligatoria per le imprese che operano nei "settori a rischio"

Con un Decreto la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha chiarito che per la stipula, l'approvazione, l'autorizzazione di contratti e subcontratti relativi a lavori, forniture e servizi pubblici nei cosiddetti "settori a rischio", è obbligatoria l'iscrizione nell'apposito elenco costituito presso le Prefetture - "White List" -.

Approfondimenti

Come noto, la L. 190/2012 (c.d. "legge anticorruzione") all'art. 1, comma 52, ha istituito il sistema di verifica antimafia basato sulle "White List" (notizia VI18442 del 25/07/13), consistenti in elenchi detenuti dalle Prefetture di fornitori, prestatori di servizi ed esecutori di lavori, non soggetti a tentativi di infiltrazione mafiosa, che operano nei cosiddetti "settori a rischio" (di cui all'art. 1, comma 53 della L. 190/2012), ovvero:
a. trasporto di materiali a discarica per conto di terzi;
b. trasporto, anche transfrontaliero, e smaltimento di rifiuti per conto di terzi;
c. estrazione, fornitura e trasporto di terra e materiali inerti;
d. confezionamento, fornitura e trasporto di calcestruzzo e di bitume;
e. noli a freddo di macchinari;
f. fornitura di ferro lavorato;
g. noli a caldo;
h. autotrasporti per conto di terzi;
i. guardianìa dei cantieri.

Le modalità per l'istituzione e l'aggiornamento degli elenchi sono state stabilite con il Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri (D.P.C.M.) 18 aprile 2013.

Con il D.P.C.M. 24 novembre 2016 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 25, del 31 gennaio 2017), sono state introdotte alcune modifiche volte a superare i dubbi connessi all'obbligatorietà dell'iscrizione, a causa della mancanza di coordinamento tra le nome che si sono succedute nel tempo.

Il nuovo testo dell'articolo 2 del DPCM 18 aprile 2013 chiarisce, infatti, che per la stipula, l'approvazione, l'autorizzazione di contratti e subcontratti relativi a lavori, forniture e servizi pubblici nei cosiddetti "settori a rischio" è obbligatoria l'iscrizione nella "White List"; l'articolo 3-bis aggiunge che la consultazione dell'elenco è la "modalità obbligatoria" attraverso la quale le PA acquisiscono la comunicazione e l'informazione antimafia.

Per le imprese che operano nei settori a rischio, sopra specificati, l'iscrizione in white list sostituisce, quindi, a tutti gli effetti, la documentazione antimafia "ordinaria" (comunicazione informazione antimafia) ed è condizione necessaria per la stipula dei contratti e per l'autorizzazione di subcontratti con la PA.

Inoltre viene precisato che l'iscrizione nella "White List" esonera da ulteriori verifiche antimafia anche quando l'impresa svolga attività in settori diversi da quelli per i quali ha ottenuto l'inserimento.







DPCM 24.11.2016.pdf DPCM 24.11.2016.pdf

© Confindustria Vicenza - 2017



Altre notizie sull'argomento


Per maggiori informazioni rivolgersi:
Area Legale e Urbanistica
Piazza Castello 3 - 36100 Vicenza
tel. 0444 232500 - fax 0444 526155
email: legale@confindustria.vicenza.it