Associazione Industriali della Provincia di Vicenza - Notizia internet n. VI25954 del 04/19/2017

Cerca nel nostro sito




Home > Notiziario

Notiziario

Cod. notizia:VI25954


04/19/2017

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro: controlli dello SPISAL dell'ULSS 8 Berica sulla gestione del rischio chimico nelle aziende del settore conciario e dei prodotti chimici per la concia

Lo SPISAL dell'ULSS 8 Berica - Distretto Ovest ha avviato una campagna di controlli relativi alla gestione del rischio chimico nelle aziende del settore conciario e produzione prodotti chimici per la concia.


Gli obiettivi dei controlli riguardano principalmente il rischio chimico, ma si estenderanno anche ai rischi infortunistici correlati ai bottali dove presenti.

Approfondimenti

Lo SPISAL segnala che la verifica delle misure di prevenzione predisposte a tutela dei rischi dovuti alle sostanze pericolose sarà rivolta in particolare ai depositi, alle modalità di trasporto e di spillaggio, alle caratteristiche dei luoghi dove sono usate e alle modalità operative con del loro uso: la presenza di aspirazioni localizzate, ecc.

Saranno prese in esame le misure preventive strutturali ed organizzative predisposte dal Datore di Lavoro (DdL) mediante sopralluoghi ed esaminando la documentazione contenente la registrazione delle misure di prevenzione previste dal DL 81/08 .

Verrà richiesta la trasmissione del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) per tutte le parti applicabili in adempimento a quanto prescritto da art 223 DL 81 completo del Protocollo per la Sorveglianza Sanitaria di tutti gli esposti.

In tali documenti sarà verificato se il datore di lavoro ha predisposto un efficace organizzazione in grado di

Descrivere il rischio
  1. Documentare il ciclo delle sostanze pericolose dall’ingresso all’uscita nell’Unità Produttiva con indicazione dei luoghi dove sono depositate ed usate.
  2. Aggiornare l’elenco delle sostanze usate, quantitativi e i relativi rischi:registrazione aggiornata di entrate/uscite da azienda, raccolta SDS aggiornate (scadenza 3 anni).
  3. Previsione di periodicità aggiornamento di DVR e delle relative misure di prevenzione. La nostra raccomandazione è ogni 3 anni e comunque la periodicità scelta dovrà essere sempre motivata.

Analizzare il rischio e predisporre le conseguenti misure di prevenzione in grado di eliminarlo o ridurlo al minimo (art 15 TU 81)

Per tutte le fasi del ciclo che comportano un rischio di esposizione dei lavoratori alle sostanze pericolose (manipolazione, spillaggio, uso) ecc. , verificheremo quali misure di prevenzione sono state predisposte per
  1. Eliminare o ridurre al minimo l’esposizione dei lavoratori ad inalazione e/o a contatto cutaneo con le sostanze utilizzate e prodotte.(Impianti di confinamento e/o captazione, Procedure, DPI, addestramento/formazione, analisi ambientali periodiche, ecc.);
  2. Eliminare o ridurre al minimo il rischio da incompatibilità tra sostanze: corretta gestione depositi;
  3. Eseguire sorveglianza sanitaria coerente con rischi.

Con tale analisi si valuteranno eventuali criticità che saranno prese in considerazione per le verifiche che saranno condotte in occasione dei sopralluoghi nelle Aziende finalizzati ad esaminare i luoghi di lavoro.






© Confindustria Vicenza - 2017



Altre notizie sull'argomento

Per maggiori informazioni rivolgersi:
Area Ambiente Sicurezza Legislazione Tecnica
Piazza Castello, 3 - 36100 Vicenza
tel. 0444 232500 - fax 0444 526155
email: ambientesicurezza@confindustria.vicenza.it